Giochi creativi per bambini
da fare in casa per esplorare ed imparare

Ho la grande fortuna di poter crescere mio figlio, di stare a casa con lui e quindi dedicargli praticamente tutto il mio tempo, tutte le mie energie.

Ho deciso, insieme al mio compagno Antonio, che era fondamentale crescere il piccolo facendogli fare delle attività a casa, attività divertenti e giochi creativi per bambini che siano anche educativi e stimolanti.

Ho visto tanti bambini stare in silenzio, al ristorante, in spiaggia… con lo smartphone o il tablet in mano.

A noi non piace che il bambino utilizzi già dalla sua tenera età questi dispositivi elettronici, anche perché, a soli 17 mesi, per quanto tanti genitori orgogliosi dicano: “mio figlio sa già sbloccare il telefono da solo…”, ciò che ci rende fieri è il fatto che nostro figlio, finito di mangiare, mi passi la forchetta e il piattino, o sappia giocare con dei giochi che può toccare, esplorare, mordicchiare, lanciare… piuttosto che farlo stare incollato ore ad un dispositivo elettronico, che già non è salutare per i genitori averli sempre in mano, figuriamoci per i bambini.

Giocare a nascondino

Quand’ero piccola, non c’erano i cellulari.

No, non sono un dinosauro… I cellulari sono arrivati quando ero già ragazzina, avevo 12-13 anni.

Io sono cresciuta facendo cose “normali” come disegnare, raccogliere fiori in un prato, giocare a nascondino in cortile con gli altri bimbi e quasi sempre tornavo a casa con le ginocchia sbucciate o bollate.

Oggi alla luce delle mie esperienze, preferisco sviluppare giochi creativi per bambini e attività educative soprattutto manuali, che non solo facciano occupare il tempo a mio figlio ma che lo stimolino, lo divertano e gli mostrino che la sua mamma è lì presente al suo fianco.

Per me far fare giochi creativi per bambini con i propri bimbi è fondamentale per far sì che gli si apra un mondo magico e inesplorato!

Quali attività e giochi creativi per bambini da fare in casa si possono inventare?

Il nostro gioco creativo preferito?

Predisporre l’ambiente, preparare i materiali e infine, insieme… Dipingere un quadro. Il nostro quadro!

Certo dipingere non è la cosa più immediata del mondo, perché devi andare a comprare la tela, i colori apposta per bambini, i teli per evitare di imbrattare tutta casa… tuttavia non è nulla di impossibile ed è del tutto fattibile.

Una volta che ho tutto il materiale e protetto il pavimento io e brando predisponiamo ciò che ci serve e poi a suon di musica, ci sbizzarriamo.

Mettere Brando nella condizione di aiutarmi a preparare questo momento magico che trascorreremo insieme, sentirsi poi libero di esprimersi attraverso la pittura e i colori è per me uno dei modi più belli in assoluto. E nel tempo necessario ho organizzato, in un colpo solo, giochi creativi per bambini che sono anche educativi e stimolanti.

Sì perché per il mio Brando è tutto un gioco ed è tutto una bellissima scoperta ecco perché scrivo spesso al plurale: giochi creativi per bambini.

Aprire i barattoli di colore, intingere i pennelli nell’acqua, poggiare le manine piene di colore sulla tela bianca…

Tutto in questa fase, qualsiasi attività, può essere un meraviglioso mix di giochi creative per bambini e attività educative.

Certo che, se per una ragione o per un’altra dipingere su tela ti risultasse un po’ complicato, non ti preoccupare, anche un bel foglio di carta e dei pastelli colorati o dei gessetti, andranno benissimo.

Giochi creativi per bambini da fare in casa

Un’altra attività molto divertente, che ci piace molto tra le cose da fare a casa, è quella di trasformare i classici scatoloni di cartone in automobili per poi, una volta finiti, far finta di guidarli e girare per tutta la casa oppure semplicemente tirandoli con una cordicella.

Altri giochi creativi per bambini che io faccio regolarmente con il mio Brando, sono quelli di creare delle capanne con un lenzuolo appoggiato sopra a quattro sedie, riempirla sotto con i suoi giochi preferiti e cuscini su cui possa sdraiarsi e giocare. Insieme creiamo una specie di “fortino”.

Oppure preparare in casa la pasta fresca, dei biscotti semplici e morbidi di varie forme e sapori, torte soffici e profumate di vaniglia e limone.

Antonio, il mio compagno, ama tornare a casa la sera e assaggiare le nostre creazioni un po’ sbilenche. E Brando è super contento dell’espressione soddisfatta del suo papà.

Ma non è finita qui…

Che dire dei giochi con l’acqua per sperimentare travasi, far galleggiare la paperella piuttosto che fargli vedere che una pietra non galleggia come la paperella ma va sul fondo della bacinella.

Anche questo fa parte dei giochi creativi per bambini da fare in casa con poca spesa e massima resa, in termini di divertimento e apprendimento.

Certo dovrai avere pronto vicino a te un panno per asciugare il pavimento, casomai cadesse dell’acqua, ma penso che nulla valga di più del vedere tuo figlio contento.

Durante il giorno facciamo insieme tanti piccoli giochi che oltre a divertirlo, lo stimolano mentalmente in modo intelligente. E tornando al discorso del tablet… Ci sarà tempo per la tecnologia e tutti i dispositivi elettronici.

Leggendo credo che salti all’occhi il fatto che per questo tipo di giochi creativi per bambini da fare in casa non ci vada chissà quanto tempo per organizzarli.

Basta più che altro avere la voglia di farli perché, sinceramente, quanto tempo ci vuole per riempire una bacinella piuttosto che un lavandino e metterci una pallina o un giochino dentro? Cinque minuti.

Un’altro modo di intrattenere i nostri cuccioli a casa, secondo me, è fare attività come le pulizie domestiche. Sì, anche questi possono essere giochi creativi per bambini.

A prima vista può sembrare singolare questa possibilità ma posso assicurare che fare le pulizie si può trasformare in un modo divertente per fare tanti giochi creativi per bambini e per dar loro tanti stimoli.

Dopo pranzo Brando sa che la mamma passa l’aspirapolvere e, senza dirgli nulla, prende la sua piccola scopetta ed inizia a passarla per casa.

Quando gli faccio il bagno e gli tolgo il pannolino o il body sporco, gli dico poi di andarlo a mettere dentro la cesta delle cose da lavare.

Quali giochi creativi per bambini da fare in casa sono anche educativi?

Condividere con mio figlio queste attività quotidiane e coinvolgerlo attivamente, anche se ha solo 17 mesi, per me è fondamentale ed estremamente utile.

In che senso utile?

Ricordiamoci che i bambini sono come spugne che osservano tutto e tutti.

Insegnare già dai primi anni a dare, quando hanno finito di mangiare, il bicchierino o il piatto alla mamma per metterlo a lavare, li stimola molto.

Penso che queste piccole azioni siano importanti ed educative, e soprattutto voglio credere che, man mano che vivono queste attività anche se come un gioco, imparino ad apprezzare il lavoro che fanno mamma e papà quando mettono in ordine la loro casa.

È fondamentale far partecipare i propri figli alle varie attività quotidiane trasformandole in giochi creativi per bambini che siano anche  educativi e stimolanti.

Primo perché imparano a disciplinarsi attraverso il gioco e poi è un ottimo modo per chi ha poco tempo, perché magari lavora, per stare con il proprio figlio.

Il mio compagno Antonio è la manifestazione del disordine. È stato tirato su come un principino.

Beh, a nostro figlio dà fastidio quando il suo papà lascia le scarpe in giro per casa oppure quando butta la maglia sul divano.

Brando va subito dal papà e gli fa capire che è una cosa sbagliata e che non si fa. Lo prende per mano e lo porta davanti alle scarpe in disordine, oppure mi chiama per indicarmi la maglia piuttosto che il calzino lasciato abbandonato sul pavimento.

Giochi creativi per bambini per insegnare cos’è il rispetto

Sto utilizzando questa tipologia di attività che sono un mix di giochi educativi, giochi istruttivi e giochi creativi per bambini, per insegnargli il rispetto per le cose e per le persone.

Sono convinta che il mio cucciolo si renda conto che è una cosa sbagliata lasciare le cose in disordine.

Come ho detto prima, tutto ciò che vedono fanno e, se vedono che è normale lasciare in giro le cose da ambedue i genitori, per il bambino sarà normale spogliarsi e lasciare in giro gli abiti.

Se il bambino sente parlare i genitori usando sempre parolacce, a 10 anni dirà più parolacce di una persona di 30.

Dobbiamo renderci conto che, tutto ciò che noi facciamo o diciamo, lo trasmettiamo a lui.

È bene far giocare in casa il proprio bambino o no?

Riprendendo il discorso delle attività e dei giochi creativi per bambini da fare in casa, parlando con delle mamme che hanno figli della stessa età del mio, alcune di loro hanno commentato che tutte queste attività che faccio fare a Brando non gli fanno bene perché in questo modo “non lo abituo alla noia”.

Questa risposta mi ha lasciato molto perplessa perché non mi ero mai posta questo problema.

“Se faccio fare delle attività a mio figlio, rischio di rovinare il suo futuro?

Con questa pulce nell’orecchio, sono andata a chiedere ad alcune educatrici del baby parking, dove mando mio figlio sporadicamente qualche ora a settimana per farlo stare a contatto con altri bambini, e ad una mia amica pediatra.

Volevo il parere di persone competenti in materia e ho chiesto loro che cosa ne pensassero al riguardo.

Beh, da parte loro ho ricevuto una risposta che, in tutto e per tutto, confermava il mio sentire e il mio modo di fare.

Tutte e quattro mi hanno detto che, se una mamma o un papà, fanno fare delle attività al loro bambino in casa, questo è molto educativo perché gli fa apprezzare anche lo stare a casa, nel proprio Habitat e che per divertirsi non deve per forza uscire o stare con gli altri bambini.

Vivere la casa, facendo tanti giochi creativi per bambini, e anche educativi, al suo interno con mamma e papà vicino, gli si fa percepire ancora più sicuro il proprio nido.

A mio avviso, la cosa preoccupante non è tanto che un bambino si diverta a giocare nella sua casa piuttosto, il contrario, che un bambino non ci stia bene fino al punto da sviluppare un’avversione tale da indurlo a voler stare, quando sarà più grande, il più possibile fuori casa. Come è successo a me.

A parte tutto questo, per me la cosa più importante è far divertire mio figlio, stimolarlo, aiutarlo a sviluppare i 5 sensi, aiutarlo a scoprire il mondo e ad allenare la sua mente così giovane e così ricettiva. Per questo ogni giorno cerco nuove idee per trovare nuovi giochi creativi per bambini da fare in casa e fuori, semplici ma che lo stimolino e gli facciano esplorare il mondo e capire come funzionano le cose.

Brando ha 17 mesi e fino all’eta di 6 anni, ho tutto il tempo per nutrire la sua testolina piena di ricci, che è ora una “spugna assorbitutto”.

Potrò fornirgli esempi ed insegnamenti utili alla sua vita di adulto. E sono convinta, perché lo vedo quotidianamente, che prima si comincia meglio è.

Essere sicuri di sé fin da bambini

Ricordi quando ho scritto che io e Brando dipingiamo?

Ogni qual volta fa un quadro, sia io che il padre, abbiamo creato il rituale dell’appendere tutti insieme la sua opera d’arte al muro.

Bibo, il soprannome che abbiamo dato al nostro bimbo, lo vede come una sorta di vincita, di premio, e sono certa che pensi: “questa è una cosa che ho fatto io ed è piaciuta. L’ho fatta bene ed i miei genitori sono felici e lo apprezzano e lo valorizzano”.

Se vengono amici, nonni, zii, li prende per mano e indica loro il suo quadro come per dire “Guarda, quello l’ho fatto io da solo!”.

Questo a me e al suo papà dimostra che si rende ben conto delle cose che fa.

Voglio che mio figlio sia sicuro del suo operato, che creda in se stesso, nelle sue capacità e nel fatto che se si impegna, può riuscire a fare qualsiasi cosa. Voglio che sappia che non è né più e né meno degli altri.

Essere sicuri di sé significa sapersi buttare e mettersi in gioco e, di conseguenza, accettare gratificazioni o giudizi negativi. Non voglio che abbia paura o timore di fare le cose.

Giochi creativi per bambini da fare in casa per costruire sane abitudini

Per far fare a Brando sempre nuovi giochi creativi per bambini che siano anche educativi e stimolanti, abbiamo comprato un tavolo in stile Montessoriano, dove ci sono delle bacinelle che si possono riempire di acqua, sabbia e di ciò che si vuole.

Sono solita fargli fare i travasi con l’acqua perché voglio che capisca che l’acqua, se tenuta bene con le mani nel bicchiere, non si rovescia.

Mio figlio sta facendo molta più attenzione quando, ad esempio, beve durante i pasti o deve portarmi il suo bicchierino.

Sono semplici giochi creativi per bambini da fare in casa, che educano e spronano a far meglio ogni giorno di più.

Mia madre ogni tanto mi prende in giro dicendomi: “Ah, tu alla sua età eri molto più patatona, ora sono molto più svegli”.

Quando glielo sento dire, mi viene da sorridere!

Secondo me non sono i bambini che si sono evoluti di più rispetto a quelli di 30 anni fa, si sono evoluti i genitori.

Applicano, usano e portano magari delle novità, degli strumenti nuovi per cercare di evolversi e migliorare il loro modo di crescere i propri figli.

Il mio scrivere all’interno di questo Blog, condividendo la mia esperienza e le mie osservazioni sulle conseguenze delle mie azioni, il mio creare sempre nuovi giochi creativi per bambini, in qualche modo vuole contribuire a rendere noi genitori più consapevoli, con l’augurio che possa essere di ispirazione a tante mamme e tanti papà.

È risaputo ormai, che la velocità di apprendimento di un bambino dipende dalla qualità dell’ambiente in cui si trova. Un ambiente stimolante farà meraviglie sulla sua giovane mente.

Mia nonna, donna meravigliosa a cui voglio un mondo di bene, mi ripete spesso la stessa frase: “Mia madre ci ha cresciuto da sola! Al giorno d’oggi le donne quando hanno un figlio sembrano pazze!”
Loro erano in 9 tra fratelli e sorelle.

I suoi erano modi e tempi diversi di crescere i figli e di fare i genitori.

Il figlio più grande doveva badare ai più piccoli e così uno dopo l’altro; li buttavano in mezzo ai campi a lavorare e facevano le faccende già in tenera età.

Mia nonna ad esempio, già a 4 anni andava a raccogliere l’uva alle 3 di notte o faceva il pane. Li mandavano a piedi, da soli, al buio, a raccogliere l’uva per la vendemmia.

Oggi, il contesto è cambiato e si vuole e si cerca di dare un’educazione un po’ “diversa”, ma credo fortemente che cominciare da subito ad abituare i propri figli a fare faccende domestiche, cominciando semplicemente a renderli partecipi ovvero trasformando queste attività in giochi creativi per bambini, che siano anche educativi e stimolanti, li renda più responsabili, più educati, più rispettosi e soprattutto indipendenti.

Per esempio quando una volta grandicelli, mamma e papà non saranno a casa con loro oppure nel momento in cui decideranno di vivere per conto loro. Soprattutto, cosa da non sottovalutare… Non sarete tacciate dalle vostre future nuore o generi di non aver insegnato nulla a vostro figlio o a vostra figlia. L’armonia in famiglia si costruisce già in tenera età.

L’oggetto dell’articolo non era questo ma come vedi è tutto collegato quindi comincia subito a inventarti giochi creativi per bambini da fare anche in casa con tuo figlio, sapendo che oltre ad attività più particolari come dipingere insieme un quadro o immergere vari oggetti nell’acqua, anche le attività domestiche come preparare delle prelibatezze o riordinare giocattoli o vestiti, possono diventare un momento divertente e di condivisione prezioso per la crescita e lo sviluppo del carattere e della sicurezza di tuo figlio o di tua figlia.

Non vedo l’ora di leggere cosa vorrai condividere della tua esperienza con il tuo bimbo, se hai sviluppato attività o giochi creativi per bambini che hai ritenuto essere anche educativi e che lo hanno aiutato nella sua crescita e nell’esplorare il mondo.
Scrivilo nei commenti e nel frattempo…

Con affetto
Giorgia

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Ti potrebbe interessare anche: